Home » Elettronica » GSM/GPRS/GPS Tracker – TK102-2 o D300 o TK102 SD
 

GSM/GPRS/GPS Tracker – TK102-2 o D300 o TK102 SD

Qualche tempo fa ho avuto modo di recensire il GPS Tracker TK103.

Trovate la recensione su questo sito alla categoria GPS.

E’ la volta, adesso, della versione equivalente, ma portatile, conosciuta come TK102-2 oppure come D300.

E’ un GPS Tracker di ridotte dimensioni, circa metà palmo di una mano, e misura 64mmx46mmx17mm, per un peso di circa 65g, batteria compresa.

Viene fornito con due batterie da 860 mAh, ed assicura, secondo il manuale, di circa 80 ore di autonomia. Non ci credo molto. Verificheremo.

Di seguito, le caratteristiche indicate sul manuale:

BAND GSM 850/900/1800/1900 MHz
GPS Chip SIRF3 chip
GSM/GPRS Module Simcom SIM900
GPS Accuracy 5 m
Time to first Fix Cold Status 45s
Hot Status 1s
Warm Status 35s
 Car charger (accessorio non fornito) 12-24 V input, 5V output
 Wall charger 110-220 V input, 5V output
 BatteryChargeable changeable 3.7V 860 mAh Li-ion battery
 Standby  80 hours
 Storage temperature  -40°C to +85°C
 Operation temperature  -20°C to +55°C
 Humidity  5%..95% non condensing

Il sistema di funzionamento è identico a quello del tracker mod. TK103.

Come funziona?

Il tracker rimane costantemente in attesa di comandi SMS oppure chiamate. Quando riceve una chiamata, memorizza il numero chiamante e riaggancia dopo qualche squillo. Immediatamente invia le coordinate GPS al numero chiamante. Le invia qualsiasi sia il numero chiamante, a meno che non venga configurato uno o più numeri “admin”. In questo caso il tracker invia l’sms con le coordinate “esclusivamente” se chiamato da uno dei numeri autorizzati.

Vediamo brevemente i comandi disponibili per questo tracker:

NOTA: la password di default è 123456 

Comando Risposta Significato
admin123456 nr.Telefono admin ok! Imposta un nuovo numero admin.
monitor123456 monitor ok! Passa alla modalità “monitor”. Quella di default è la modalità “tracker”. Nella modalità monitor il tracker NON invia SMS, ma risponde alla chiamata permettendo di udire ciò che avviene nelle vicinanze del tracker (audio sorveglianza)
tracker123456 tracker ok! Ripristina la modalità “tracker”. E’ la modalità di default. Riaggancia la chiamata in entrata, senza rispondere. Invia al numero chiamante un sms con le coordinate.
stockade123456 longitudineE/W,latitudineN/S; longitudineE7W,latitudineN/S stockade!+geo-info al nr. autorizzato Attiva la funziona “recinto”. Cioè invia un sms di allarme solo quando il GPS esce dal rettangolo rappresentato dalle coordinate date, che indicano l’angolo superiore sinistro e l’angolo inferiore destro di un rettangolo immaginario. ATTENZIONE AGLI SPAZI ED ALLA PUNTEGGIATURA
nostockate123456 Disattiva la funzione recinto.
move123456 move ok! Attiva la modalità “Movement Alert”. Cioè invia un sms di allarme quando il tracker si sposta dalla posizione iniziale.
tlimit123456 100 Serve a configurare la distanza di soglia del comando precedente, oltre la quale viene inviato l’sms di allarme. L’esempio indica 100 metri, ma il valore può essere compreso tra 50 metri e 5999 metri.
tlimit123456 0 Annulla le impostazioni date col comando precendete. La distanza e frequenza di invio vengono riportati ai valori di default. (50 metri credo)
t030s***n123456 Invia la propria posizione ogni 30 secondi per infinite volte. s=secondi, m=minuti. h=ore
t060s003n123456 Esempio: invia l’sms ogni 60 secondi per sole 3 volte.
notn123456 Annulla le impostazioni precedenti
speed123456 130 Invia l’allarme quando chi trasporta il tracker supera i 100km/h.
shake123456 1
shake123456 10
Attiva la modalità “Motion Sensor”. Cioè invia un sms di allarme quando il tracker rileva una vibrazione. Il numero dopo la password “123456″ è la sensibilita: 1 meno sensibile, 10 più sensibile. Zero disattiva.
sdlog123456 1
sdlog123456 0
Attiva il salvataggio del tracciato sulla scheda di memoria micro-SD contenuta all’interno (non fornita). Solo in assenza di segnale GPRS o quando il server impostato è irraggiungibile. 1 attiva, zero disattiva.
readsd123456 1
readsd123456 0
Chiede al tracker di inviare il tracciato ad un server (da configurare GPRS e numero IP).1 attiva, zero smette di inviare i dati al server.
smslink123456 Passa al formato degli sms con link. Cioè fornisce un link per vedere la posizione su google maps direttamente dallo smartphone.
smstext123456 Passa al formato degli sms testuale, senza link. E’ la modalità di default.
smslinkone123456 Dalla modalità smstext, risponde con un solo sms con link.
adminip123456 nrIP nrPorta adminip ok Configura IP e porta del server. Attenzione agli spazi tra password e nrIP e tra nrIP e nrPorta. Il numero IP e la porta sono relativi al server di cui decidete di servirVi.
noadminip123456 Disabilita la configurazione del server impostata col comando precedente
apn123456 APNFornitore APN ok Configurazione GPRS – Dove APNFornitore è l’indirizzo APN fornito dal gestore telefonico. NOTA: Quando APN, numero IP e porta sono configurati, il tracker invia le coordinate al server, e non invia l’sms.
apnuser123456 GPRSUsername ‘ un’impostazione generalmente non necessaria.
apnpasswd123456 GPRSPassword E’ un’impostazione generalmente non necessaria.
zone123456 GMT_TIME Imposta il fuso orario. GMT_TIME nel nostro caso (Italia) sarà 1.
home123456 WEBSITE Imposta l’home page (da verificare).
imei123456 Controlla il numero IMEI del dispositivo

Qui c’è il manuale in italiano (GPS TRACKER - TK102 - Manuale (2850), Manuale Tracker GPS Portatile (1858)), dove è possibile trovare altri comandi per impostazioni meno importanti.

Attenzione, il manuale dice: in alcune versioni il tasto ON/OFF è disabilitato, e quindi il dispositivo si accende e spegne esclusivamente inserendo o togliendo la batteria.

Prima di montare la scheda SIM, assicurarsi di avere disabilitato la richiesta di codice PIN e tutte le deviazioni di chiamata.

Per impostare il numero admin per la prima volta, chiamare il tracker per 10 volte, aspettando, ogni volta, che questo riagganci la chiamata.

UTILIZZI

Tra gli utilizzi comuni di un apparecchio di questo tipo (sorveglianza, controllo mezzi, investigazioni, sicurezza minori) segnalo un interessante applicazione su un modello radiocomandato: http://www.baronerosso.it/forum/fpv-e-riprese-aeree/176428-localizzatore-gps-gsm-gprs-gps-traker-global-smallest-tracking-device.html

LA PROVA

Per prima cosa vorrei fare un test di durata delle batterie. Per entrambe – ne vengono fornite due – eseguo un lungo ciclo di carica, come raccomandato dal manuale per la prima carica. Poi configuro il tracker in modo da usaro in GPRS, e con i server di GPS-Trace Orange. Leggi in fondo per le considerazioni sulla durata della batteria

Innanzitutto inserisco scheda microSD e scheda SIM.

Attenzione: NON sono supportate le schede microSD da 4Gb.

Chiamo il tracker più volte, la mia chiamata viene rifiutata regolarmente, ma il tracker non risponde con alcun sms.

Ricordo che deve essere inizializzato. Allora invio: begin123456

Come previsto il tracker risponde begin ok.

Chiamo… lui risponde con un messaggio che contiene latitudine, longitudine, velocità, data e ora, voltaggio, intensità segnale.

Preferisco ricevere l’sms completo di link: allora invio smslink123456 e ricevo smslink ok come risposta.

Richiamo il tracker…. e ricevo il messaggio contenente il link a google maps, velocità, data e ora, voltaggio e intensità segnale.

Collego lo smartphone ad internet e visito il link fornito. Bello, funziona perfettamente, anche se ha sbagliato di una trentina di metri.

CONFIGURAZIONE SERVER

Decido di usare http://gps-trace.com

Dopo essermi registrato, imposto il mio  dispositivo Tracker GPS cliccando su “Activate”. Nella schermata successiva inserisco i dati IMEI, il numero di utenza installata

(ATTENZIONE: inserire con +39 iniziale), la password del dispositivo GPS ed il modello (nel nostro caso XEXUN TK-102).

Nella pagina delle impostazioni per il TK-102 troviamo i dati del server, da impostare sul dispositivo.

Server: 193.193.165.166

Porta: 20157

Ho una scheda wind con l’opzioni internet 24 su 24 ore. Imposto i dati per la connessione:APN: internet.wind

Quindi invio i seguenti messaggi al tracker:

apn123456 internet.wind

adminip123456 193.193.165.166 20157

Con il seguente sms

t040s***n123456

ottengo che le coordinate vengano inviate al server ogni 40 secondi.

Controllo la mappa di GPS-Trace Orange, assicurandomi che il sistema funzioni… ed infatti funziona alla perfezione, ed al primo tentativo.
In basso a destra clicco su LOG per vedere i messaggi inviati dal tracker.

Con il seguente comando annullo l’impostazione precedente

notn123456

Adesso la posizione sulla mappa verrà aggiornata solo quando deciderò di chiamare il tracker. Attenzione: visto che sono stati impostati i dati del server, le coordinate verranno inviate esclusivamente al server.

Se desidero ricevere la posizione ugualmente via sms, allora devo eliminare le impostazioni server oppure inviare un sms “smslinkone123456“.

LOG su scheda microSD

Come accennato prima, non sono supportate le schede microSD da 4Gb.

Come usare la scheda microSD?

Con il comando

sdlog123456 1

attiviamo il salvataggio dei dati su microSD (sdlog123456 0 per disattivare). Da notare che questo comando non fa funzionare il tracker come un data logger ma svolge solo la funzione di buffer, per così dire. I dati vengono salvati sul supporto solo quando manca la connessione GPRS oppure quando il server è temporaneamente irraggiungibile.

Ad esempio, supponiamo che il tracker si trovi in una zona in cui manca la connessione GPRS oppure il server sia temporaneamente irraggiungibile. I dati non vengono persi ma salvati nella schedina di memoria.

Per leggerli invia il comando

readsd123456 1 (readsd123456 0 per disattivare)

Questo comando trasferisce al server il tracciato memorizzato sulla scheda.

In realtà con il comando sdlog mi sarei aspettato una registrazione costante del percorso, da scaricare a piacimento via GPRS. Ma così non è.

Comandi personalizzati

Quando orange.gps-trace.com indica che il tracker è connesso (si può vedere dall’icona verde a sinistra, cerchiata nella foto) e possibile inviare dei comandi personalizzati al tracker direttamente online. Si può variare, ad esempio, la frequenza di invio dei dati , l’attivazione/dirattivazione del comando “move”, etc…

Le parti salienti sono evidenziate in foto.

Ad esempio, se mando il comando notn123456 il tracker smette di inviare dati sulla posizione al server e si disconnette. Dal sito perdiamo pertanto anche la connessione gprs e quindi la possibilità di inviare comandi.

Come fare?

Chiamare il tracker equivale a chiedergli di connettersi via GPRS e di inviare dati al server. Quindi, chiamo il tracker ed aspetto che riagganci, da GPS-Trace Orange aspettiamo fiduciosi che compaia l’icona con la scritta gprs e velocemente inviamo un messaggio tipo t030s***123456. In questo modo il tracker sarà quasi costantemente connesso e noi avremo anche la possibilità di controllarlo.

Durata batteria

Con il primo test,  il tracker ha avuto un’autonomia di circa 30 ore. Circa 7 ore in standby, circa 5 ore con invii di dati ogni 60 secondi e le restanti ore con invii ogni 20 minuti.

Il secondo test invece ha previsto l’intero periodo in standby. Durata sino al primo messaggio “Low Battey”: quasi 48 ore.

Terzo test, uso operativo. Il Tracker è stato lasciato in standby su un’auto, con il comando move attivo. Quando l’auto si è mossa è stato attivato il GPRS ed un operatore  ha seguito i suoi movimenti per circa 5 ore, con invio di dati ogni 30 secondi. L’auto ha percorso circa 35km in un’area urbana ed a tratti boschiva in cui il segnale GMS spesso è debole. Dopo 5 ore è stato nuovamente ripristinato lo stato di standby. L’auto è stata parcheggiata in un garage ed è stato riattivato il comando move.

Giusto per rendere l’idea, in questo caso la batteria è durata appena 24 ore.

Hack

Vediamo di ‘fare’ qualcosa di diverso. Delusi dalla tutto sommato modesta autonomia, colleghiamo il tracker ad una batteria esterna. Per iniziare usiamo una Li-Po da 2800 mAh, lo accendiamo e lo lasciamo in standby, fermo sulla scrivania del nostro laboratorio.

La tensione di partenza della batteria era di 4V.

Dopo 75 ore (poco più di 3 giorni) il tracker ha inviato il primo messaggio “Low Battery”, segnalando la tensione a 3,73V.

Sperando nella carica della più capiente Li-Po abbiamo deciso di proseguire e… dopo altre 24 ore il tracker era ancora acceso.

Questo nuovo test ha avuto risultati incoraggianti. Il tracker ha avuto un’autonomia di 115 ore in standby (quasi 5 giorni).

Con un’autonomia del genere potremmo pensare di far provare il tracker ad un amico investigatore!


Aggiornamento:
Eseguiti test anche con due celle lipo da 2800mAh collegate in parallelo.
Il tracker ha avuto un’autonomia – in solo standby – di 12 giorni. Invece, utilizzato in modalità GPRS ininterrottamente per 5 ore al giorno, di soli 3 giorni.

Consiglio importante

Non abbiate mai fretta con questi apparecchi. Assicuratevi SEMPRE di inviare comandi sintatticamente corretti, e cercate di attendete l’esito in un comando prima di inviarne uno nuovo. A volte risponde ad un comando anche dopo 1 o 2 minuti. Anche e soprattutto quando il tracker si connette in GPRS occorre una buona dose di pazienza. Esempio: lo configuro in GPRS. Lo chiamo, ed attendo che il server (il sito GPS-Trace Orange, nel mio caso) confermi l’avvenuta connessione. Possono passare anche un paio di minuti!!!

Le immagini seguenti sono un contributo dell’utente Stefano, che scrive:

“…Sono un firmwarista e come per il tk102 vecchia versione voglio riscrivere il firmware,un po per passione un po per risparmiare su tutti quegli sms di configurazione, quindi mi serve sapere che microcontrollore e modulo gsm monta… Ci sono degli integrati che non riesco a identificare”

Ecco le immagini del mio tracker smontato. Prestate attenzione al cavo rosso, che si stacca facilmente. Quando si rimonta, deve essere risaldato.

474 Comments

  1. Commento di matteo :

    Salve mi serve aiuto
    Ho un tk 102 non riesco a visualizzarlo sulla mappa e mi manda in continuazione SMS help me al numero principale
    Mi dite come posso fare
    Grazie

  2. Commento di Francesco :

    INTERNET CON IL SATELLITE
    Ciao

    in un precedente articolo,sul mio blog, ho illustrato , sebbene molto sommariamente, cosa si intende per DIGITAL DIVIDE e le soluzioni tecnologiche che possono aiutare a superarlo.Una tecnologia alternativa in grado di superare tutte (o in parte!) le problematiche derivanti dal fatto che un determinato territorio si trovi in digital divide è l’accesso a internet tramite connessioni satellitari.

    Nell’articolo che si propone,a carattere divulgativo,dopo una sintetica illustrazione delle basi teoriche della tecnologia satellitare ,illustro delle applicazioni e i vari modi per poterla concretamente utilizzare.Occorre comunque fare delle importanti e indispensabili precisazioni sulla peculiarità dell’internet satellitare,in modo da avere chiaro subito dove la tecnologia proposta offre soluzioni ottimali e in quali contesti diventi addirittura unica e senza alternative valide.Per saperne di più leggi l’articolo proposto.Ecco il link:

    Internet con il satellite

    Comunque per qualsiasi informazione o approfondimento non esitare a scrivermi.

    Ciao.A presto e buone vacanze a Tutti.

    Francesco

    Sbt……lì 27.luglio.2014

    #############################################################

    Seguimi sui social networks:

    facebook: https://www.facebook.com/francesco.bruno.3745496

    la mia pagina aziendale: https://www.facebook.com/RealTimeNavigation?ref_type=bookmark

    IL mio canale youtube: http://www.youtube.com/channel/UCiIYbDxugNCWzfvanWHHs3w

  3. Commento di sofia :

    Ho acceso I l T102 ma il leddella.accensione rimane
    Sempre fisso. Non riceve il segnale gps.
    Ho provato ad accendere il tom tom e il.srgnale gpsnon ha tardato ad arrivare. Come mai?

    • Commento di Francesco :

      Il led lampeggia ininterrotamente SOLO quando riceve contemporaneamente sia il segnale GPS che il segnale della rete telefonica.
      Nel tuo caso,dato che il led rimane sempre acceso,ritengo che dipenda dalla sim installata.Pertanto verifica che:
      -la sim sia posizionata dentro al tk,senza sim non funziona neppure il GPS;
      -che sulla sim ci sia credito a sufficienza;
      che la sim sia abilitata per il trasferimento dei dati (internet) e non solo per la voce;
      -controlla la configurazione della sim in modalità GPSD.

      Comunque sulla mia pagina aziendale un pò di tempo fa scrissi un post abbastanza dettagliato sull’argomento.Ti allego il link qualora tu volessi darci un’occhiata.
      https://www.facebook.com/RealTimeNavigation?ref_type=bookmark
      Ciao
      Francesco

  4. Commento di giobia :

    salve, da 2 anni ho uno smartphone(Nokia 500), da qualche giorno nel momento in cui ricevo da TK102 l’SMS con il link, che selezionando di solito mi portava automaticamente in googlemaps con l’identificazione del punto, ora mi da il seguente errore :
    “impossibile connettersi al sito http://maps.google.com/maps?f=q&q=44.5544332,11.8899776&z=16“.
    Da 2 anni fino a Maggio 2014, digitando sul link automaticamente mi dava la posizione su google map, ora non più.
    Suggerimenti?

    • Commento di Tonino :

      Mmm, sembra funzionare il link!

      • Commento di giobia :

        il link usato sul PC funziona.
        Cliccato sul telefono non funziona più, mentre dal 2012 ha sempre funzionato, almeno fino a Maggio (ultima volta che l’ho usato).

        • Commento di giobia :

          sul telefono funziona il seguente link modificato ridigitandone parte :
          “http://maps.google.com/m/local?f=q&q=44.5544332,11.8899776&z=16″

          • Commento di Mauro :

            Io ho provato a fare copia e incolla sul pc il link che mi dava il tk 102 ma ovviamente anche il pc dice che non esiste,e’ come se il telefonino prova a connettersi al link diciamo buono e non ce la fa e da’ quel link con messaggio di errore…

      • Commento di Mauro :

        Salve,anche a me non funziona piu’ il link che manda il localizzatore,nell’aprire il collegamento su Google maps e’ come se cambiasse il telefono cambiasse la stringa quando si connette….

        • Commento di giobia :

          Dopo qualche verifica, credo che il link non funzioni più da quando è attiva la NUOVA versione di Google MAPS e quindi dubito che torni ancora a funzionare.

          Come scritto sopra, per per far funzionare il link :
          - lascio che mi segnali errore
          - poi lo correggo parzialmente così:
          link orig ….com/maps?…
          link modif …com/m/local?

          Mi piacerebbe sapere se è possibile correggere il link sul firmware e/o magari su un file presente nel TK102.

    • Commento di giobia :

      A qualcuno in questi giorni funziona l’accesso a Google Map col link inserito nell’SMS da TK102 ?

  5. Commento di vincenzo :

    Buonasera,ho un problema con il tk103,a seguito di sostituzione scheda madre del pc, non riesco più a far dialogare il kt con il gps traker,quest’ultimo nonostante lo start è regolare mi dice che l”imei”non è valida.sia lì”ip” che la porta è quella precedente (porta regolarmente aperta nel router)l’unica cosa diversa è il mac del pc.Ho provato a inviare via sms reset,begin,admin,adminip etc ….qualcuno avrebbe una mezza idea?grazie

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Heads up! You are attempting to upload an invalid image. If saved, this image will not display with your comment.