Kit per la Videosorveglianza

Ho avuto modo di interessarmi all”acquisto di un sistema di videosorveglianza senza pretese particolari, se non quella di avere la possibilità di registrare il video h24 e di poterlo vedere online.

Butto giù qualche appunto di ciò che al momento si trova in rete.

Ciò di cui potrei aver bisogno è di un:

– DVR (Digital Video Recorder) a 4 canali e di 4 telecamere analogiche (che offrono quindi un uscita video analogica via cavo), oppure

– DVR a 4 canali, abbinato ad un ricevitore wireless e 4 telecamere wireless (non WIFI), oppure

– NVR (Network Video Recorder), 4 IP Camera, abbinato ad un classico Access Point WIFI nel caso volessi usare delle IP Camera WIFI.

Queste, più o meno, sono le key necessarie ad eseguire una ricerca online e reperire il materiale necessario.

Per questioni economiche e pratiche decido, per ora, di rivolgere la mia attenzione su un DVR a 4 CH abbinato ad un ricevitore wireless e relative telecamere. Vedi foto accanto (da ebay, venditore kingshopitalia). Il kit viene proposto con il DVR modello 8004 (marca sconosciuta) oppure con il modello DVR J104P. In rete troviamo però altri modelli, che vorrei valutare prima dell’acquisto:  DVR 8204-S, DVR S-8004.

Il kit ricevitore wireless + 4 telecamere è in vendita anche singolarmente, da abbinare ad un DVR qualsiasi.

Vediamo come si compone il kit wireless:

Le telecamere hanno la risoluzione 380 TV Line, a differenza di quelle fornite con altri kit, che in media hanno 420 TVL. Misurano 10.5 cm x 5,5 cm. Piccole, rispetto a quelle fornite con gli altri kit.

Qualche concetto chiave:

Per quanto riguarda la risoluzione ho trovato qui un chiaro e breve tutorial, dal quale capiamo che le risoluzioni standard della telecamere a circuito chiuso (TVCC) variano tra 380 (risoluzione circa 500 (H) x 582 (V)) e 420 (risoluzione circa 512 (H) x 582 (V))  linee TV. Da qui invece capiamo se vale la pena di spendere di più per avere telecamere con risoluzione maggiore. Si, è la risposta istintiva, ma per chi non è avvezzo alla valutazone delle telecamere TVCC il dato 380/420 TVL potrebbe non essere esplicativo.

Concetti chiave:

– nello standard industriale corrente si tende a indicare come telecamera ad alta risoluzione una telecamera in grado di fornire più di 450 linee TV mentre fino a 420 linee TV si considera la telecamera come a risoluzione ordinaria;

– la massima risoluzione digitale ottenibile digitalizzando un segnale analogico è la risoluzione D1 pari a 720×576 oppure 704 x 576 (per chiarezza, pari a quella di un DVD);

– astenersi dall’acquisto di DVR con risoluzione inferiore alla D1;

Ricopio da qui questo passo, che mi è sembrato interessante, nonostante non dica nulla di tecnico:

“Questo è un aspetto fondamentale nella corretta scelta dei materiali destinati alla realizzazione del vostro impianto TVCC. Se il fine ultimo dell’impianto non è identificare le persone o gli oggetti, ma solo rilevarne la presenza (come nel caso di una telecamera al passo carraio che riprenda l’accesso dei mezzi), una telecamera ad alta risoluzione risulta ovviamente ottima ma non certo indispensabile.
Se invece si richiede di dover identificare al meglio una persona o un oggetto bisogna considerare due fattori: se le persone sono note oppure sconosciute e la posizione della telecamera.
Se si prevede l’intrusione da parte di personale noto, ad esempio nel controllo di un area interna a un’azienda, normalmente non è indispensabile una ripresa ad alta risoluzione; la sola fisionomia dell’individuo ed il suo modo di muoversi ci permetteranno di identificarlo con certezza anche in una ripresa a risoluzione standard.
Se invece bisogna poter identificare al meglio uno sconosciuto allora è determinante la posizione della telecamera.
Se la telecamera è vicina al soggetto, ad esempio nel controllo di un accesso con citofono, può bastare una risoluzione standard, se invece si deve controllare uno spazio vasto allora è indispensabile quanta più risoluzione possiate permettervi.
Ricordiamo, onde evitare fraintendimenti, che la risoluzione della telecamera agevola l’identificazione di una persona, ma sono molto più determinanti la posizione della telecamera e la scelta dell’obiettivo”

La protezione delle telecamere viene indicata con un codice IPxx. Mi domandavo cosa significasse esattamente. Ecco qui (info da www.futuraelettronica.net):

La prossima immagine da un’idea degli obiettivi forniti generalmente con questo tipo di telecamere:

Torniamo alla valutazione dei DVR:

Scarto subito il modello DVR J104P, che non ha l’accesso LAN e che dal menu OSD mi sembra discretamente obsoleto dal punto di vista meramente grafico. Inoltre la compressione video è MJPEG e non H.264 e la massima risoluzione in registrazione è 640 x 272.

Il modello DVR 8204-S possiete l’accesso LAN e la grafica OSD sembra migliore.  Tuttavia il codec di registrazione video è MJPEG e non H.264. La risoluzione di registrazone PAL indicata è 704 x 288 (HD1).

Infine, il modello DVR S-8004, che è la versione compatta del modello 8004. Nel 8004 mancano, sul retro, l’uscita per l’alimentazione di un monitor esterno a 12V ed un’uscita video supplementare, presenti invece nel S-8004. Per il resto è identico. La codifica video è H.264. Possiede l’accesso LAN e tutte le features presenti anche negli altri DVR. La massima risoluzione di registrazione è la D1, indicata in 704 x 576.

Qui: Risoluzione video e bitrate ideali (521), un documento interessante nel quale si parla delle risoluzioni video TV.

Ritengo sia l’oggetto ideale per il mio obbiettivo attuale.

Acquistandolo in kit con telecamere wireless e relativo ricevitore, nell’eventualità che il sistema wireless non funzioni a dovere, sarà sempre possibile sostituirlo con delle telecamere analogiche, connettendole direttamente al DVR ed escludendo tutte o solo alcune telecamere wireless.

Dopo l’acquisto.. un recensione completa e dettagliata!


4 Replies to “Kit per la Videosorveglianza”

  1. Lascia perdere, alla sitecom mi hanno spiegato che il mio router non e’ piu’ compatibile con dyndns…
    Quindi prima era complicato (perdeva sempre l’ip), ora e’ impossibile! Ho un wl613

    • Puoi configurare il DDNS su qualsiasi apparecchio presente sulla tua LAN, non per forza sul router.
      Una volta funzionante, con l’url del tipo (ad esempio) jumpjack.dyndns-ip.com otterrai l’IP della tua connessione, invece con jumpjack.dyndns-ip.com:81 raggiungerai il dispositivo configurato sulla porta 81 (IPCamera, DVR, PC, etc…).
      Basta configurare a dovere le regole di forwarding sul router, ma per fortuna molto spesso questo non è necessario, se è abilitato il protocollo “UPnP”, perchè il router quando rileva un dispositivo attivo sulla LAN, apre automaticamente le porte necessarie.

  2. Complimenti, ottimo articolo riassuntivo, link molto interessanti.
    Manca solo qualcosa, se già ne sei venuto a capo, sul DDNS, che mi fa impazzire da sempre…

    • Io sono iscritto a http://dyn.com/ (o http://www.dyndns.com) e funziona bene.
      Che problema hai esattamente?
      Dopo esserti registrato dyn.com devi creare il tuo host (scheda “DynDNS Pro/Hosts”), e poi sul router/o sull’apparecchio per la videosorveglianza devi inserire l’url che ti viene fornito, user name e password.
      Tutto qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

wp-puzzle.com logo